Sappi di piú delle cose da visitare a Budapest - IL NOSTRO TOUR - Free Tour a Budapest in Italiano con Orsi

Protocollo per la sicurezza durante il tour
Vai ai contenuti

Bejgli - La ricetta della bisnonna Ungherese

IL NOSTRO TOUR - Free Tour a Budapest in Italiano con Orsi
Pubblicato da orsi, la guida di Budapest in Cose da vedere a Budapest · 6 Gennaio 2021
Tags: bejgliungherese
Sono più una guida turistica di Budapest che una grande cuoca e non mi succede spesso di fare dei dolci ungheresi. Mi piace mangiare fuori, conoscere posti e sapori dei diversi ristoranti sia a Budapest che in campagna però tengo tanto alle tradizioni della mia famiglia ungherese, soprattutto a Natale.

Il Natale non è Natale a casa mia senza il menu tradizionale ungherese: la zuppa del pescatore con tanta paprika e carpa (il pesce più mangiato in Ungheria) e il bejgli ungherese.
L’argomento di conversazione tipico del Natale è la qualità del bejgli: il rotolo deve essere intero senza quelle spaccature ai lati che si creano durante la cottura in forno, lo strato di crema deve essere più doppio di quello della pasta ... La crema ai semi di papavero non deve essere secca...

Il bejgli é un rotolo (c’è chi usa il lievito e chi invece no) e tradizionalmente ne facciamo due versioni: con la crema ai semi di papavero e con la crema alle noci. Le casalinghe più rivoluzionarie inventano altri gusti: con castagne, ricotta, frutta secca...
Sono tanti anni che cerco di sperimentare la mia versione di bejgli, ma il punto di partenza è sempre la ricetta della mia bisnonna che ho ricevuto quando mi sono sposata. La mia mamma mi ha regalato un libro di ricette che ogni casalinga obbligatoriamente doveva avere e mi ha dato la ricetta di bejgli della bisnonna che ho scritto sulla prima pagina del libro così non la perdo.

Ecco la traduzione se lo volete provare:

Beigli ungherese con la ricetta della bisnonna e con i miei commenti rivoluzionari

Ingredienti:
(la bisnonna ne faceva sempre 4: due con i semi di papavero e due con le noci.)

Impasto per 2 rotoli:
200 g di farina + 400 g di farina per strudel (potete comunque usare anche in questo caso la farina normale)
250 g di margarina (o burro – che io preferisco)
25 g di lievito di birra + 10 ml di latte
2 uova
80 g di zucchero (ne utilizzo la metà che per me è sufficiente)

Crema ai semi di papavero per 1 rotolo:
250 g di semi di papavero
100 g di zucchero (quantitá originale data dalla bisnonna,  per me basta la metà)
15 ml di latte
rum (quest’anno abbiamo usato la Tequila ☺ )
10 g uvetta

Crema alle noci per 1 rotolo
250 g di noci
100 g di zucchero (quantitá originale data dalla bisnonna, per me basta la metà)
15 ml di acqua
rum (quest’anno abbiamo usato la Tequila ☺ )
10 g uvetta

Facciamo sciogliere il lievito nel latte tiepido. Mettiamo la farina in una ciotola grande, aggiungiamo il burro un po’ sciolto, poi le uova e il latte con il lievito e cominciamo a impastare. Quando l’impasto è pronto, lo copriamo e lasciamo riposare per 30 minuti in un posto riscaldato (io lo porto in bagno che a casa mia è il luogo più caldo 😊 )
Mentre l’impasto riposa e cresce prepariamo la crema.
Maciniamo i semi di papavero (fino a farli diventare come lo zucchero a velo) e le noci. Aggiungiamo lo zucchero e il latte ai semi di papavero macinati e l’acqua alle noci. Cominciamo a riscaldarli a fuoco lento. Alla fine aggiungiamo un po’ di rum e le uvette. Lasciamo raffreddare le creme.
Ora prendiamo l’impasto ben lievitato e lo dividiamo in due porzioni uguali . Stendiamo sottilmente la pasta ma non fino a farla diventare trasparente, altrimenti si rompe durante la cottura in forno.
Spalmiamo abbondantemente la crema e lo arrotoliamo, spennelliamo con uova sbattute.
Mettiamo i rotoli in una teglia da forno, li copriamo e lasciamo riposare per altri 30 minuti, poi li mettiamo in forno riscaldato a 180 ºC per almeno 40 minuti o fino a doratura.
Lasciamo raffreddare i rotoli, tagliamoli a fettine (di circa 1 cm) e decoriamo con lo zucchero a velo.



Torna ai contenuti